Benvenuti sul Sito

header bufala

Rapporto Assalco Zoomark

2can Il Rapporto 2015 sul mercato del pet care in Italia affronta il ruolo del Veterinario nelle scelte nutrizionali degli animali da compagnia, indicandone anche il grado di ... LEGGI NOTIZIA ..

 

La Medicina Narrativa

tiz I medici veterinari comportamentalisti, prima ancora del suo avvento, hanno anticipato la medicina narrativa.

Leggi Tutto

 

 

Decreto Latte

lat Il Decreto Latte approvato dal Consiglio dei Ministri interviene in favore della filiera con interventi urgenti per gestire la fine delle quote.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari ... VAI ALLA NOTIZIA ...

 

 IL DECRETO LATTE

 

Fonte Anmvioggi del 07 Mag 2015

 

 

Conservare i messaggi PEC .. .. per sempre

pecLa PEC (Posta Elettronica Certificata) rappresenta giuridicamente la sostituzione della comunicazione cartacea a mezzo Fax. Essa infatti ha stessa valenza ed efficacia giuridica, trattandosi di una comunicazione che riveste carattere di ufficialità su un supporto digitale e non cartaceo. Oramai è chiaro che un documento cartaceo firmato, digitalizzato nello scanner ed inviato come allegato in un messaggio PEC, sostituisce a tutti gli effetti l'inoltro dello stesso documento cartaceo a mezzo fax.

Questa forma di comunicazione "dematerializzata", legalmente riconosciuta dalla normativa vigente, da la sensazione che un documento digitale si conservi piu' a lungo di uno cartaceo. In effetti, i fax sono di carta e pertanto soggetti a processi di

Crediti ECM ed esplulsione dall'Albo

Il Ministero "taglia" il 60% dei medici competenti

Il Ministero della Salute ha cancellato dal registro dei medici competenti circa 6mila degli oltre 10mila colleghi che si erano originariamente iscritti. Ciò per non avere acquisito i necessari crediti ECM previsti (150 crediti in tre anni). Tale provvedimento, oltre a costituire un precedente rilevante anche per altre specialità.

 Se il principio si consolida dovremo stare molto più attenti al curriculum.

La questione dei crediti potrebbe riguardare per analogia anche i veterinari LP che dovessero assumere una funzione di rappresentanza tecnica degli allevatori in particolare per futura qualifica di Veterinario Aziendale. Questa decisione del ministero, rendendo più stringente l'obbligo della formazione ecm, deve attivare tutti i professionisti, in special modo i liberi professionisti che intendono essere inclusi in “Elenchi Nazionali” (vedi Veterinario Aziendale) ad assolvere gli obblighi formativi ECM secondo le modalità dettate dalla Commissione Nazionale.

Mario Campofreda

Biosicurezza negli allevamenti bufalini

bufiE' in itinere l'avvio del Progetto per la biosicurezza degli allevamenti bufalini per la Provincia di Caserta. Tale Progetto sarà finanziato con Fondi della Comunità Europea. Saranno previsti bandi pubblici di partecipazione per i Veterinari Libero Professionisti. Nell'attesa si concretizzi tale Progetto, si riportano i primi documenti ufficiali in materia.

 

Progetto Biosicurezza

 

Decreto Commissario IZS Portici

 

Addio al Passaporto per bovini e bufali

Pare che finalmente la normativa in materia di dematerializzazione degli Atti cartacei stia producendo i suoi effetti anche in campo zootecnico veterinario.

Come sancito da una Nota da parte del Ministero della Salute che si allega a fine articolo, a partire dal 1° Maggio 2015 per i nuovi nati della specie bovina e bufalina non sarà piu' obbligatorio il passaporto, fermo restando 

Azioni di sostegno e rilancio del latte

rilat

Rafforzare il controllo sanitario sul latte importato e fare in modo che i controlli sanitari minimi siano gli stessi in tutti i Paesi dell'Unione europea. La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato la RISOLUZIONE sulle iniziative per il sostegno del prezzo del latte. L'atto impegna il Governo ad una serie di azioni per rendere competitivo il latte italiano sui mercati internazionali e risollevarlo dala crisi dovuta anche al calo di consumi. Alcuni impegni della risoluzione investono i controlli sanitari. In particolare, la Commissione chiede di rafforzare il controllo sanitario sul latte importato, con riferimento soprattutto ai paesi extra Unione europea, e  interventi a livello europeo per prevedere che i controlli sanitari minimi siano portati ad un unico adeguato livello in tutti i Paesi dell'Unione europea. Altri impegnano il Governo ad evitare che il prezzo medio alla stalla sia palesemente inferiore al costo medio di produzione, a riconoscere incentivi alle organizzazioni dei produttori e delle organizzazioni interprofessionali, indirizzando, a tal fine, gli strumenti finanziari del Memorandum of Understanding sulla cooperazione in agricoltura.

La risoluzione ha anche impegnato il Governo a convocare il tavolo della filiera del settore latte, come strumento previsto dalle norme comunitarie, al fine di: -incrementare la commercializzazione dei prodotti lattiero-caseari in Italia e all'estero; -partecipazione ai programmi che favoriscano il consumo di latte e dei formaggi nelle scuole così da accedere agli aiuti previsti dall'Unione europea; -favorire l'istituzione della Fiera agricola nazionale e internazionale che promuova presso i cittadini la conoscenza della realtà produttiva lattiero-casearia; -semplificare le procedure burocratiche a carico delle aziende agroalimentari; -introdurre modifiche o integrazioni al decreto 27 maggio 2004 e del decreto 14 gennaio 2005 in materia di rintracciabilità e scadenza del latte fresco e in materia di linee guida per la stesura del manuale aziendale per la rintracciabilità del latte; -ad adottare i decreti relativi all'indicazione obbligatoria nelle etichette del latte sterilizzato a lunga conservazione, del latte UHT, del latte pastorizzato microfiltrato o a elevata temperatura nonché dei formaggi e degli altri prodotti a base di latte, del luogo di origine del latte oggetto di trattamento in modo chiaramente visibile al consumatore per favorire la tracciabilità del prodotto, indicando, inoltre, le caratteristiche del prodotto iniziale e, in particolare, se trattasi di latte fresco o cagliate o cagliate congelate o semilavorati; -la restituzione dell'eventuale prelievo pagato in eccesso a favore delle aziende in regola con il pagamento dei prelievi

 

Il Redattore Web

Dr.Riccardo Alemanno

forte: AnmviOggi del 13/04/2015

 

DPAT 2015 e Sanità Animale

dpOggi giorno la produttività di un'Azienda pubblica (come la ASL) si estrinseca in concreto a mezzo di strumenti telematici- informatici. Cio' a significare che è possibile monitorare passo-passo l'avanzamento degli obbiettivi raggiunti e quelli ancora da raggiungere, semplicemente utilizzando il computer connesso ad internet. La stessa produttività aziendale è difatti caratterizzata dalla somma di ogni singolo evento lavorativo/produttivo espletato da ogni singolo componente, sia esso dipendente o convenzionato con l'azienda. In riferimento al settore pubblico veterinario, relativamente alla regione Campania, ogni intervento sanitario territoriale prevede dunque "una traccia" di cio' che si è fatto che si estrinseca con

Registro Tumori Animali (RTA)

Pubblichiamo la lettera di comunicazione pervenuta anche a questo Ente, a firma del Dr. Casapulla e del Dr. Iagrossi, inerente la valutazione del prezioso lavoro in materia di

Garduatorie Provvisorie anno 2015

Elenco delle Graduatorie provvisorie Specialisti ACN relative al