Consiglio Direttivo straordinario per la salvaguardia dei LEA

FNOVI08.04.2014
Sanità pubblica e salvaguardia delle produzioni zootecniche ed alimentari in provincia di Caserta
L'OMV di Caserta scende in campo per la salvaguardia dei LEA
Un Consiglio Direttivo straordinario

aperto alla partecipazione di tutti gli iscritti è stato convocato dal Presidente dell'OMC di Caserta, Dr. Mario Campofreda: all'ordine del giorno la necessità di recuperare il ruolo che i medici veterinari, in ragione della specificità della loro professione, possono e devono svolgere a vantaggio dello sviluppo del territorio. Un territorio difficile, devastato dall'incuria e dal colpevole disinteresse generale, oggi noto ai più come la "terra dei fuochi". A conclusione del dibattito sviluppatosi in argomento, è stato deciso di informare il Prefetto di Caserta per le conseguenze sull'andamento dei controlli nelle Aziende, il Ministero della Salute per la vigilanza sul rispetto delle norme organizzative nonché i competenti uffici regionali evidenziando le criticità di strumenti e mezzi che si verificano nella provincia di Caserta e chiedendo la Giusta attenzione alle esigenze del territorio e della veterinaria.
È emerso con forza che il primo presidio di tutela del territorio è il Dipartimento di Prevenzione delle ASL che opera nella sanità Pubblica garantendo la sanità animale, la salubrità delle produzioni e la sicurezza alimentare e l'Ordine ha inteso doveroso segnalare i bisogni e le esigenze, in termini di attenzione e risorse, di una categoria chiamata ad agire a tutela e salvaguardia di un bene collettivo pubblico.
autore: Ufficio stampa Fnovi

News Fnovi

Giuramento professionale

ippocrate.jpg - 2.60 Kb

PROMETTO SOLENNEMENTE

Di dedicare le mie competenze e le mie capacità alla protezione della salute dell'uomo, alla cura ed al benessere degli animali, promuovendone il rispetto in quanto esseri senzienti.
Di impegnarmi nel mio continuo miglioramento, aggiornando le mie conoscenze all'evolvere della scienza;
Di svolgere la mia attività in piena libertà e indipendenza di giudizio, secondo scienza e coscienza, con dignità e decoro, conformemente ai principi etici, e deontologici propri della Medicina Veterinaria.