Addio al Passaporto per bovini e bufali

Visite: 1989

Pare che finalmente la normativa in materia di dematerializzazione degli Atti cartacei stia producendo i suoi effetti anche in campo zootecnico veterinario.

Come sancito da una Nota da parte del Ministero della Salute che si allega a fine articolo, a partire dal 1° Maggio 2015 per i nuovi nati della specie bovina e bufalina non sarà piu' obbligatorio il passaporto, fermo restando 

l'obbligo dell'applicazione delle marche auricolari e la compilazione della cedola identificativa.

Assume quindi un ruolo fondamentale l'iscrizione telematica dell'animale in BDN (Banca Dati Nazionale) secondo le modalità già previste, collaudate e funzionali. La novità risiede semplicemente e, ancor piu', direttamente nella compilazione e sottoscrizione da parte del Vet ASL del Modello 4 SOLO dopo aver verificato la registrazione del bovino/bufalino in BDN.

La mancata registrazione dell'animale comporta la NON sottoscrizione del Mod.4 L'animale, una volta caricato, viaggia durante il trasporto con tutta la documentazione di scorta priva pero' del previsto passaporto. Per i capi nati prima del 1 Maggio 2015, invece, si continuano ad applicare le procedure operative che prevedono la stampa del passaporto.


Nota del Ministero

 

Schema 1

Schema 2

 

Stampa